About Kornati

EN
    In the central part of croatian Adriatic Sea, about 15 Nm to the west from
Biograd na moru and Sibenik town, 7 Nm to the southwest from Murter, or 15 Nm to the south from Zadar town, there is amazing group of islands named Kornati archipelago.

     Beauty and singularity of the archipelago moved authorities in 1980 to proclaim a bigger part of that area national park. Since then certain modifications of its borders were made, so that nowadays Kornati National Park occupies the area of about 220 km2 (54.000 acres). There are 89 islands, islets and reefs within the area of Kornati National Park (185 km of the coastline), what makes it the most indented group of islands in the Mediterranean.

     The land part of Kornati National Park covers less than 1/4 of its total area, but the values of its landscapes, the "crowns" (cliffs) on the islands facing the open sea, and interesting relief structures, make this part of Kornati National Park unique. Besides, the Kornati submarine area, whose biocenosis are considered to be the richest in the Adriatic Sea, and also the magnificent geomorphology of the sea bed attracts divers from all over Europe to come and enjoy in unforgettable submarine adventures.

 

RIGUARDO AL PARCO NAZIONALE DELLE KORNATI

 

IT  

Posizione

L'archipelago di Kornati occupa una piccola parte dello spazio marittimo croato . La Dalmazia del nord si trova nella parte centrale della costa adriatica croata e le Kornati nel centro dell'arcipelago di questo litorale. Praticamente le Kornati sono situate tra le isole abitate della costiera di Sibenik a Sud-Est e quelle di Zadar a Nord-Ovest. Tutte queste isole messe insieme sono note come l'arcipelago della Dalmazia del nord. Le Kornati gravitano verso Sibenik (Sebenico), Biograd, e Zadar (Zara), anche se amministrativamente. in gran parte, appartengono al comune di Sibenik. In passato, le isole furono proprietà delle famiglie nobili zaratine che le davano in appalto, con diritto di pesca nel mare circostante, ai pescatori di Dugi Otok (Isola Lunga), soprattutto a quelli di Sali (paese sull'Isola Lunga, più vicino alle Kornati).

Siccome gli abitanti di Sali, che erano rinomati più come bravi pescatori che come agricoltori e pastori, non rendevano abbastanza ai padroni di Zara, questi ultimi decisero di vendere le isole. Così, alla fine del secolo scorso, (tra il 1885 e il 1896), il ricco proprietario zaratino Petar Afric; vendette gran parte delle isole Kornati agli abitanti di Murter e Betina (due paesi sull'isola di Murter nell'archipelago di Sibenik). Da allora inizia l'epopea dei Murterini nelle isole di Kornati. Quel poco di terra coltivabile rubata alla pietra, popolata di oliveti e vigne, che oggi possiamo vedere.navigando tra le isole di Kornati o facendo alpinismo sui suoi grigi monti, è frutto del lungo e durissimo lavoro dei Murterini.

Il nome

Porfirogeneto (X sec.d.C.) chiama le Kornati, Greppi (Grebeni); Insula sanctae Mariae o Stomorin otok, le chiamano i documenti dell'Archivio di Stato a Zadar nel XVII sec. Questo nome proviene dalla chiesa di santa Maria che si trova sull'isola. Secondo alcune ipotesi il nome Stomorin potrebbe derivare dalla parola croata "sto mora", cioè (cento mari). Le Kornati furono chiamate anche lsole dell'lncoronata, secondo la paroia italiana "corona", secondo alcuni dal latino "corno" o, secondo altri ancora, dal nome illirico corinthon.
Peccato che il nome "lsole Coronate" non sia rimasto in uso, anche perché gli abitanti di Murter, loro proprietari, chiamano (krune) gli alti e ripidi dirupi che in alcune isole sono a strapiombo sul mare.

Nell'azzurro dell'Adriatico

L'Adriatico orientale è uno dei mari più azzurri del mondo e le Kornati sono l'angolo più azzurro dell'Adriatico. Il colore azzurro del mare delle Kornati è ancora più marcato dai contrasto con il calcare bianco-grigio, la pietra di cui sono composte le isole Kornati, che si ergono tra mare e cielo.
Se, da qualche monte del litorale, osserviamo l'arcipelago della Dalmazia del nord, ci accorgiamo come dal mare azzurro vengono a galla una serie di isole messe in fila parallelamente al litorale. Queste file, lunghe e corte, alte e basse, più chiare e più scure, si perdono all'infinito. Però ail'occhio più attento non sfuggirà il gruppo di isole più verdi e più grosse dell'arcipelago di Zadar a Sud-Ovest e quel gruppo di isole più piccole e più grigie della fascia costriera di Sibenik. Questi due arcipelaghi sono collegati tra di loro con una catena di isole più soleggiate e più azzurre, fatte a forma di corona. Queste sono le Kornati.
Non sappiamo se da qualche altra parte, in qualche altro mare, nel Mediterraneo o altrove, siono serrate tante isole, isolotti e scogli, in uno spazio così ristretto. Da nessuna parte, per quanto ci risulta, ci sono tante insenature e baie, rivolte verso il sole al mattina, al meriggio e alla sera, come nelle Kornati. Nei nostri viaggi sui mari del mondo non abbiamo sentito in nessuna parte una brezza estiva così benefica nel gran caldo di mezzodi, come il leggero maestrale delle Kornati.
Coloro che hanno viaggiato per il mar Mediterraneo, da Gibilterra al Libano, da Cartagine al Ponto, forse hanno incontrato nel mar Egeo qualche gruppo di isole simili alle Kornati. Però anche questa eventuale somiglianza è soltanto fittizia e lontana, perché un mare come quello delle Kornati ed isole simili non esistono da nessuna parte. L'arcipelago del mar Egeo e alcune sue parti, a confronto con le Kornati, sembrano burberi giganti


Le isole Kornati, secondo alcuni antichi scrittori, avrebbero acceso la fantasia degli Argonauti dell'antica Grecia, richiamando alla loro memoria le forme portentose e le leggende della loro patria, da essi dimenticate. L'azzurro del mare delle Kornati e il bianco delle isole sono dovuti a vari fattori come:la costa del tutto pietrosa, l'abbondanza dei cristalli di sale marino, i molti giorni di sole, la serenità del cielo. La falce di luna che di notte si rispecchia nel mare calmo, muove la fantasia di coloro specialmente che non sono abituati ad assistere alla pesca con il fanale in una buia notte d'estate nelle Kornati.


Sciacquate dal mare, battute dal vento, dal sole e dalla pioggia, le ripide rocce (dette krune), le rupi, e le spiagge aumentano ancora di più l'azzurro del'acqua lungo il litorale, quando il mare è calmo (detto bonaca o bonaccia), e il bianco della schiuma delle onde, quando il mare è burrascoso (detto nevera o bufera). Quando, invece, soffia il maestrale mentre picchia il sole di mezzodì e si increspa la superficie marina, i contrasti diventano più tenui.

Uno scrittore di viaggi, russo, dopo aver navigato da Jalta fino a Trieste, scrisse che il mar Nero sembra azzurro se non lo si confronta con il mar Adriatico, specie con le Kornati, e che una volta visto il mare delle Kornati ci si accorge che il mar Nero porta veramente un nome adatto.


Le isole dell'Adriatico orientale sono un mondo particolare. Le caratteristiche comuni dl queste isole sono: pietrosità, mancanza d'acqua; piccole superfici di terra coltivabite, sottosviluppo economico, emigrazione, popolazione che in media tende all'invecchiamento. Le Isole più grandi sono più abitate e dal punto dl vista socio-economico più vive, quindi si inseriscono più facilmente nelle tendenze e negli sforzi di uno svlluppo moderno del paese Lungo il litorale dell Adriatico Croato sono sparse 1233 isole, isolotti e scogli che si possono dividere in 22 gruppi. È una vera e propria Polinesia con le suemacronesie e micronesie.
Una di queste micronesie è l'arcipelago di Kornati